La Ricetta della Pecora in Cappotto

La Ricetta della Pecora in Cappotto

La ricetta sarda della Pecora in cappotto, è uno dei piatti più noti della tradizione culinaria isolana, e in particolare del mondo agro pastorale. Oggi è un piatto riproposto e apprezzato in numerose sagre, nonché nei menu della ristorazione locale.

Sebbene il significato di questa denominazione non sia ben chiara, possiamo però risalire all’origine del nome. Nel nuorese questa pietanza è nota come berbeghe in gappotte (dallo spagnolo capote, mantello). Sempre nel nuorese sono note anche le patate in gappotte, patate bollite con la carne di pecora.

Ingredienti per la Pecora in Cappotto

  • 1 kg circa di Pecora sarda
  • 5 Patate
  • 3 Carote
  • 4 Cipolle bianche fresche
  • 2 coste di Sedano
  • 2 Pomodori secchi
  • 1 ciuffo di Prezzemolo
  • 2 spicchi d’Aglio
  • 1 foglia di Alloro
  • 1 rametto di Rosmarino
  • Sale

Preparazione della Pecora in Cappotto

In una capiente pentola far bollire l’acqua con le verdure, gli aromi e il sale.
Una volta cotte le verdure, scolarle e riporle in un piatto da portata.
Versare la carne di pecora nella pentola. Aggiungere acqua se necessario.
Una volta ripresa l’ebollizione, usare una schiumarola per eliminare i grumi che si creano durante la cottura.
Far cuocere per una o due ore. In linea di massima la cane è cotta quando, pungendola con una forchetta, risulta tenera.
Servire questa pietanza calda, su un piatto da portata foderato di Pane Pistoccu e bagnato con un po’ di brodo di pecora.

La Ricetta della Pecora in Cappotto

Il brodo e la carne della pecora bollita possono essere utilizzati anche per preparare un gustosissimo Risotto al profumo di Sardegna.

La carne di pecora nella cucina sarda

La carne di pecora è uno degli ingredienti più importanti della cucina sarda. L’isola ha una lunga tradizione pastorale e la pecora è un animale di allevamento molto comune. La carne di pecora è considerata un alimento sano e nutriente, poiché è povera di grassi e ricca di proteine.

La pecora può essere cucinata in vari modi, ma i metodi più tradizionali sono la bollitura, lo spezzatino e l’arrosto.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top